NEWS

Digital360 Awards 2018, ecco chi sono i 16 premiati per l’innovazione digitale

Digital360 Awards 2018, ecco chi sono i 16 premiati per l’innovazione digitale

Sono stati svelati oggi 6 luglio durante la cerimonia di premiazione a Lazise, sul Lago di Garda, i nomi dei 16 migliori progetti italiani di innovazione digitale vincitori dell’edizione 2018 dei Digital360 Awards, il contest di Digital360 per promuovere la cultura digitale in Italia. Dopo aver raccolto oltre 200 candidatureuna giuria composta da 73 CIO delle più importanti organizzazioni pubbliche e private italiane ha valutato i 40 progetti finalisti, per poi scegliere i primi 16.

Premiati Entando con il progetto “Sharemine”, Cerved conGraph4you”, Da-rt con “LLU-Pilot”, OT Consulting con “Process Digital Transformation CREDEM”, Intesys con “Santander Consumer Bank Dealer Experience”, Injenia con “CollaborAction”, Manini Prefabbricati con “Manini Connect”, AppQuality con “User Experience Crowdtesting AppQuality”, Cedat85 con “Digital4democracy” per le diverse categorie tecnologiche; MobileIron con “MobileIron Threat Defense”, Cisco con “L’Industry collaboration che accelera il business di Del Brenta”, VJTechnology con “WhereApp”, Assirecre Consulting con “Portale Welfare Assirete”, Wiit con “Cyber Security Platform” per le categorie di settore; Net Service con “Giustizia Metropolitana” per il progetto dal maggiore impatto sociale e ancora OT Consulting con “Process Digital Transformation – Credem” per il migliore progetto di Digital Transformation. Sono questi i vincitori della terza edizione dei Digital360 Awards 2018, gli autori dei 16 migliori progetti di innovazione digitale in Italia, selezionati da una giuria composta da 73 CIO delle più importanti organizzazioni del Paese. Venti esempi di successo nell’uso delle nuove tecnologie – dai Big Data all’Internet of Things, dal Machine Learning al Cloud Computing, dal Mobile al CRM – scelti secondo criteri di originalità, benefici concreti e replicabilità, in ogni settore di business.

I Digital360 Awards 2018 sono un’iniziativa del Gruppo Digital360 per promuovere la cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità in ambito digitale, generando un meccanismo virtuoso di condivisione delle esperienze tra imprese, fornitori, startup, istituzioni e centri di ricerca. I 16 progetti vincitori sono stati selezionati tra i 40 finalisti che hanno avuto l’opportunità di presentarsi attraverso pitch mirati della fase finale del contest: tre giorni outdoor organizzati a Lazise (VR) con momenti di confronto, approfondimento e networking tra aziende e startup, ma anche rappresentanti dei centri di ricerca e dei parchi tecnologici che hanno potuto presentare le loro attività, e dei principali vendor ICT, che hanno illustrato le evoluzioni digitali dei prossimi anni.

“Siamo molto soddisfatti dell’esito di questa terza edizione dei Digital360 Awards – dice Andrea Rangone, CEO di Digital360 -. La giuria composta dai più importanti CIO italiani, i manager a cui è affidato il ruolo strategico di promozione dell’innovazione digitale, ha selezionato 16 progetti di grande valore che possono essere da stimolo per la diffusione della cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità̀ nel nostro Paese. Consapevoli del fatto che la capacità di open innovation sia ormai un fattore determinante per il successo delle organizzazioni, inoltre, gli Awards hanno rappresentato un momento di confronto, coinvolgimento e contaminazione tra startupper, top manager, rappresentanti dei vendor ICT e dei più importanti centri di ricerca, riuscendo a dare voce con successo all’innovazione proveniente da fonti molto diverse”.

 

Ecco tutti i vincitori del Digital Awards 2018

Premi di categoria tecnologica

  1. Cloud Computing: Entando Sharemine, una piattaforma di Car e Ride Sharing. L’applicazione si compone di due ambienti, uno per il Community Manager (gestore del servizio) e uno per l’end-user. Al gestore del servizio viene messa a disposizione una dashboard che permette di monitorare il numero di utenti e di veicoli attivi, i conducenti, le prenotazioni e i viaggi in corso e il rendimento di ogni veicolo. L’utente finale invece può registrarsi sul sito web della Community che offre una serie di servizi.
  2. Big Data Analytics: CervedGraph4you. La piattaforma realizzata da Cerved, che utilizza il database a grafo Neo4J, consente di rendere esplicite relazioni implicite presenti tra i soggetti oggetto d’indagine (per esempio per le richieste di subentro e voltura, gare d’appalto, pratiche assicurative), mostrando in un’unica vista a grafo tutte le informazioni che formano i percorsi trovati.
  3. Machine Learning e Intelligenza Artificiale: DA-RTLLU-Pilot. Rendere autonomo un veicolo terrestre in ambiente outdoor/militare permettendogli di essere capace di riconoscere e distinguere persone, animali e oggetti in movimento e prendere per ciascuna situazione la decisione più opportuna. Con questo specifico obiettivo è nato LLU-Pilot, realizzato da DA-RT (Info Solution), basato su avanzati sistemi di machine learning per decidere rapidamente come comportarsi a seconda dei diversi percorsi, ostacoli ecc.
  4. Soluzioni B2b e di eSupply Chain: Ot ConsultingProcess Digital Transformation – CREDEM – Estinzione Conti e servizi Accessori. Rendere più efficienti i progetti di back office e accentrare il maggior numero possibile di processi/attività era il fine di Credem. Esaminando i vari processi di questa realtà è stato identificato quello di estinzione conti correnti e servizi accessori che vede una collaborazione tra filiale e back office. OT Consulting ha proposto al gruppo bancario il proprio approccio ai progetti di digital transformation e in particolare di RPA (Robotic process automation) con metodologia, processi e strumenti definiti.
  5. CRM/Soluzioni per Marketing e vendite: IntesysSantander Consumer Bank Dealer Experience. Con il progetto Santander Consumer Bank Dealer Experience, Intesys ha risposto all’esigenza della banca di riprogettare il processo e le soluzioni tecnologiche legate alla stipula dei contratti di finanziamento in una modalità completamente digitale che si potesse integrare negli applicativi legacy.
  6. Smart Working e Collaboration: InjeniaCollaborAction, una storia di importante innovazione realizzata da Barilla e Injenia. CollaborAction, realizzata da Injenia per Barilla, è un’app web e mobile che consente di creare, invece dei classici ticket di help desk, post social per richiedere gli interventi manutentivi. Tali interventi vengono visti in real time dagli operatori che, sfruttando i thread, possono scambiarsi informazioni ed elementi multimediali, così da garantire interventi tempestivi.
  7. Internet Of Things: Manini PrefabbricatiManini Connect. Il sistema prevede la presenza di tre apparati in grado di monitorare gli effetti dell’azione degli eventi atmosferici e di inviare diverse tipologie di alert al Centro di Controllo, inoltre il sistema di Manini Prefabbricati, attraverso WiFi, è in grado di inviare i dati a una piattaforma di cloud storage, in cui i dati stessi vengono analizzati e processati per attivare processi di manutenzione preventiva.
  8. Mobile Business: AppQualityUser Experience Crowdtesting AppQuality. Per rispondere alle specifiche esigenze di usabilità e sicurezza dei servizi di una grande realtà italiana è stata creata una piattaforma di gestione di una community che connette 15.000 Tester in Italia (220.000 nel mondo).Tramite AppQuality è possibile gestire molteplici campagne di test di applicazioni distribuendo l’applicazione stessa a gruppi di tester che verranno poi remunerati in base alle segnalazioni e ai dati generati.
  9. Soluzioni Infrastrutturali (NGDC, Piattaforme di IT governance e Information Security): Cedat85Digital4Democracy. La piattaforma Web realizzata da Cedat85 si basa su tecnologie proprietarie di Automatic Speech Recognition per trascrivere automaticamente e indicizzare i contenuti ottenuti dai dialoghi e dagli interventi effettuati in un’assemblea, riunione, commissione, oltre a permettere di trasmettere in streaming live tali incontri pubblici, registrarli e archiviarli in formato ricercabile “full text”.

Premi di settore

  1. Bancario: MobileIronMobileIron Threat Defense. Con il crescere dell’utilizzo dei device mobili in azienda, si moltiplicano i tentativi di sfruttarli e le tecnologie utilizzate per rubare dati e segreti industriali, MobileIron Threat Defense risponde a queste esigenze, permettendo azioni immediate di remediation. La soluzione integra un motore basato su algoritmi di machine learning, sviluppato in collaborazione con Zimperium e in grado di monitorare migliaia di parametri del sistema operativo per rilevare attività anomala.
  2. Manifatturiero: CISCOL’Industry collaboration che accelera il business di Del Brenta. Del Brenta ha scelto la tecnologia Cisco per mettere in comunicazione tutti gli attori del processo di produzione inclusi fornitori e clienti. Tra i principali vantaggi: ottimizzazione del tempo di importanti risorse professionali, riduzione dei costi relativi a spostamenti e trasferte, eliminata la perdita di informazioni che prima circolavano via mail, su schizzi fotografati ecc.
  3. Pubblica Amministrazione: VJTechnologyWhereApp. La piattaforma, realizzata da VJTechnology, può inviare un numero illimitato di messaggi da parte delle autorità pubbliche sul territorio senza avere il bisogno di conoscere e registrare preventivamente alcun dato, rispettando così l’anonimato del destinatario
  4. Servizi: Assirecre ConsultingPWA – Portale Welfare Assirete. Il progetto è nato con l’obiettivo di integrare i servizi Area Salute del network delle strutture convenzionate Assirete (Assirecre Group) in una piattaforma Welfare dedicata alle realtà che offrono servizi di gestione di welfare aziendale per le organizzazioni e per i loro dipendenti sotto forma di voucher. La soluzione è un’applicazione web service-oriented ospitata all’interno di una Web Farm in Private Cloud.
  5. Utility/Energy: WiitCyber Security Platform. Wiit ha messo a punto il progetto Global Hybrid Cloud per consentire a una grande organizzazione globale di rispondere alle proprie necessità di scalabilità, flessibilità e affidabilità. Il modello di cloud ibrido (composto da Hosted Private Cloud, Private Cloud e Public Cloud) è completamente gestito in modalità 24×7 e con SLA garantiti grazie alla presenza del Cloud Operating Center dell’azienda stessa.

Premi speciali

  1. Premio speciale per Impatto sociale: Net Service – Giustizia Metropolitana. Semplificare le procedure di informazione, migliorare accesso e fruizione dei servizi di giustizia, sviluppare servizi integrati tra uffici giudiziari e fra questi ultimi e le altre PA, sviluppare l’e-government, intervenire sullo scambio di know-how tra dipendenti pubblici, ridurre i costi e migliorare le prestazioni, in pratica, promuovere nuovi modelli di relazione tra enti, istituzioni locali e uffici giudiziari. Questo il fine del progetto realizzato da Net Service in collaborazione con il Comune di Bologna e adottato anche da altre realtà in Piemonte.
  2. Premio Speciale Digital Transformation: OT CONSULTING “Process Digital Transformation – CREDEM – Estinzione Conti e servizi Accessori”. Rendere più efficienti i progetti di back office e accentrare il maggior numero possibile di processi/attività era il fine di Credem. Esaminando i vari processi di questa realtà è stato identificato quello di estinzione conti correnti e servizi accessori che vede una collaborazione tra filiale e back office. OT Consulting ha proposto al gruppo bancario il proprio approccio ai progetti di digital transformation e in particolare di RPA (Robotic process automation) con metodologia, processi e strumenti definiti.

Leave a Reply