News

Facciamo emergere l'innovazione in Italia!

NetApp: come sfruttare al meglio il dato, linfa vitale dell’azienda

NetApp: come sfruttare al meglio il dato, linfa vitale dell’azienda

Come raccogliere i dati in modo efficace? E come tradurre le informazioni raccolte in risultati di business? Ne parla Marco Pozzoni, Country Sales Director di NetApp in questa intervista, presentando alcuni dati di un recente studio commissionato dal vendor a IDC per capire quali sono le caratteristiche che permettono alle aziende di prosperare nella Digital Transformation.

Bennet: il cliente determina tutto

Bennet: il cliente determina tutto

In occasione dei Digital360 Awards Valentina Bucci, giornalista di ZeroUno, intervista Alessandro Volpato, Direttore sistemi informativi di Bennet che racconta le tre sfide che si trovano ad affrontare le aziende del settore della GDO: capire meglio come interagire con il cliente; affrontare il cambiamento di business del retail con nuovi servizi da offrire al cliente e ridefinire l’organizzazione interna così da offrire nuove tecnologie a supporto del cambiamento. Al centro delle tecnologie mirate a comprendere le evoluzioni dei clienti: il CRM.

Banca Popolare di Sondrio: open banking per competere nel sistema Finance

Banca Popolare di Sondrio: open banking per competere nel sistema Finance

Quali sono le sfide digitali con cui si stanno confrontando oggi le aziende nel settore finance? Parte da questa domanda l’analisi di Milo Gusmeroli, Vicedirettore generale e CIO di Banca Popolare di Sondrio, sull’evoluzione del comparto finance e delle dinamiche presenti a seguito di una marcata trasformazione digitale.

Come funziona la piattaforma welfare di Assirete

Come funziona la piattaforma welfare di Assirete

Assicre, il gruppo che fornisce servizi di gestione sinistri e rimborso spese mediche, ha messo a punto per le strutture convenzionate Assirete un nuovo portale welfare per integrare i servizi Area Salute del network.

Internet Book of Things: il brevetto di 1trueid per tutelare i consumatori finali

Internet Book of Things: il brevetto di 1trueid per tutelare i consumatori finali

La piattaforma IoT Internet of Things 1trueid, arrivata finalista durante i Digital360 Awards 2018 per la Categoria Tecnologica Internet of Things, è un sistema brevettato che nasce dalla volontà di dare una risposta tecnologica a questa necessità di garanzia e tutela. La soluzione, lanciata con l’ambizione di essere il primo Internet Book of Things, offre la possibilità di unire clienti, prodotti e produttori e, come vedremo, propone una serie di soluzioni utili anche dal punto di vista della protezione del brand, della customer knowledge e così via, vantando una tecnologia facilmente integrabile con i sistemi di logistica e supply chain esistenti in azienda.
Tutto questo si fonde nei due pilastri centrali del progetto 1trueid: la tracciabilità e rintracciabilità (track & trace); l’anticontraffazione.

Sistemi anticontraffazione, IoT e non solo: ecco l’Internet Book of Things di 1trueid

Sistemi anticontraffazione, IoT e non solo: ecco l’Internet Book of Things di 1trueid

Questo sistema brevettato di 1trueid risponde all’esigenza di garanzia e tutela dei consumatori finali, ma allo stesso tempo offre tutta una serie di funzionalità utili alle aziende per la brand awareness

Blindata, GDPR come opportunità per migliorare il Roi del data management

Blindata, GDPR come opportunità per migliorare il Roi del data management

L’azienda ha presentato una piattaforma collaborativa che mappa e monitora nel dettaglio tutto il processo di gestione dei dati, con un occhio di riguardo alla conformità al GDPR. La soluzione è adottata da Cerved Group

Hpe: l’in memory driven computing per business basati sull’analisi dei dati

Hpe: l’in memory driven computing per business basati sull’analisi dei dati

Per le aziende avere la possibilità di analizzare grandi quantità di dati in real-time, ogni volta si presenti la necessità di farlo, oggi e domani sarà fondamentale per poter cambiare i propri modelli di business, inventare nuovi servizi, mantenere alta la propria competitività aziendale. Per riuscire a farlo, anche quando il numero di questi dati sarà esploso, HPE ha sviluppato l’in memory driven computing, che ribalta le regole dei modelli di calcolo tradizionali.

Claster FM, l’app che rende semplice il Facility management

Claster FM, l’app che rende semplice il Facility management

L’app realizzata da DPS offre una serie di funzionalità sia ai property manager sia agli operatori che compiono gli interventi sul campo: uno strumento che accentra tutti gli interventi e le scadenze relativi a manutenzioni ordinarie, straordinarie o in emergenza e rende sempre disponibili tutti i documenti necessari per portare a termine il lavoro

Anthill Market, una PaaS per fornire nuovi servizi nel fashion

Anthill Market, una PaaS per fornire nuovi servizi nel fashion

La piattaforma PaaS è proposta ai produttori che vogliono velocizzare i processi e generare nuovi servizi; ai negozi che desiderano soddisfare le nuove esigenze del consumatore e accrescere la professionalità del proprio team e a tutti i fashion lover che desiderano collaborare attivamente con i brand

Grazie a Celli Intellidraught, i prodotti comunicano direttamente dati che li riguardano

Grazie a Celli Intellidraught, i prodotti comunicano direttamente dati che li riguardano

Grazie all’implementazione della piattaforma PTC ThingWorx, effettuata da Dedagroup, gli stessi prodotti sono capaci di fornire dati complessi sul proprio funzionamento e di comunicare con i sistemi di monitoraggio e controllo. Celli può quindi garantire un processo di manutenzione efficace e soddisfacente e, allo stesso tempo, utilizzare i dati per fornire nuovi servizi

Data driven economy: ecco l’identikit delle aziende che sanno sfruttare il valore dei dati

Data driven economy: ecco l’identikit delle aziende che sanno sfruttare il valore dei dati

Cosa caratterizza le aziende in grado di sfruttare davvero le potenzialità della data driven economy e della digital transformation e creare disruption all’interno del mercato in cui operano? Capacità di gestire i dati e trarne valore, attraverso tecnologie e competenze, ma anche elementi di natura organizzativa come la vicinanza tra IT e Lob. Ecco l’identikit del “Data Thrivers” proposta da NetApp e IDC.

Esempi di IOT: ecco il caso delle Cisco Easy Connect Machines di Paglieri

Esempi di IOT: ecco il caso delle Cisco Easy Connect Machines di Paglieri

La soluzione Cisco Easy Connect Machines è stata pensata per collegare in rete i sistemi industriali e permettere di raccogliere da questi i dati utili per ottimizzare il processo produttivo, controllare lo “stato di salute” delle macchine e di modificarne il funzionamento. La cybersecurity è parte integrante del design della soluzione

Myti, l’intelligenza artificiale a servizio dei configuratori di prodotto

Myti, l’intelligenza artificiale a servizio dei configuratori di prodotto

MyTI Sizer è un configuratore di prodotto commerciale che, utilizzando l’Intelligenza Artificiale, consente di gestire la complessità di un elevato numero di combinazioni possibili. Caratterizzata da un’elevata flessibilità, la soluzione è facilmente integrabile con altri sistemi e processi

Machine learning, AI e cloud per l’innovazione digitale: ecco l’IT a guida autonoma di Oracle

Machine learning, AI e cloud per l’innovazione digitale: ecco l’IT a guida autonoma di Oracle

Per rimanere competitivi e sfruttare i vantaggi offerti dall’innovazione digitale, le aziende devono fare evolvere le loro tradizionali piattaforme applicative customizzate in un modello architetturale nuovo, basato su un mesh di tanti servizi cloud indipendenti, liberamente combinabili e sul concetto di “IT a guida autonoma”, collegato ai temi AI e machine learning. Ecco il disegno Oracle illustrato da Luigi Scappin, Sales Consultant e Business Development Director, Oracle Italia.

Gruppo Siram: come modernizzare i processi grazie al Cloud Oracle

Gruppo Siram: come modernizzare i processi grazie al Cloud Oracle

La logica che sta guidando il processo di digital transformation dell’azienda, che fa parte del Gruppo Veolia, mira alla standardizzazione, semplificazione e modernizzazione di processi e sistemi e porterà all’eliminazione di data center compiendo un percorso completo verso il cloud

Nuove architetture per capire i dati e stare nel business

Nuove architetture per capire i dati e stare nel business

Quali sono le tecnologie più disruptive, quelle con cui davvero le aziende devono confrontarsi per saper innovare e sviluppare un business sempre più digital based? In occasione dei Digital360, Awards Valentina Bucci, giornalista di ZeroUno, lo chiede a Gianni Rugginenti, Direttore Vendite Enterprise Group Market, HPE, discutendo con lui di come stia cambiando il panorama tecnologico e competitivo delle imprese: perché tutte le persone, e sempre più buona parte degli oggetti, producono in continuazione una sempre più ampia mole di dati. Di conseguenza l’elemento che davvero farà la differenza sarà la capacità delle aziende di sfruttarli velocemente, per offrire servizi innovativi agli utenti.

Innovazione: Cisco mette al centro Intelligenza Artificiale e blockchainnovazione concreta

Innovazione: Cisco mette al centro Intelligenza Artificiale e blockchain

Cosa significa oggi fare innovazione per un vendor come Cisco? Una strategia basata sul lavoro di ricerca e sviluppo, su acquisizioni e coopetition, ma anche sulla scelta di investire in quelli che vengono considerati dall’azienda i trend più promettenti, tra cui spiccano Intelligenza Artificiale e blockchain.

Dalla ricerca all’impresa: due centri di eccellenza

Dalla ricerca all’impresa: due centri di eccellenza

In occasione dell’evento finale dei recenti Digital360 Awards, ecco gli interventi di due centri di ricerca, Fondazione Bruno Kessler e Istituto Superiore Mario Boella, nati con la missione di trasferire la conoscenza nel campo delle tecnologie ICT più avanzate indicano il percorso per favorire l’innovazione in ambiti applicativi business oriented e aiutare le imprese a cogliere i vantaggi offerti dalla trasformazione digitale. Entrambi i casi si caratterizzano per la capacità, superiore alla media, di ottenere fondi europei sulla base dei progetti di ricerca presentati.

L’IT intelligente e i servizi “self driven” di Oracle disegnare con le aziende l’innovazione concreta

L’IT intelligente e i servizi “self driven” di Oracle

Competitività e innovazione vanno di pari passo: Oracle per voce di Luigi Scappin (Sales Consultant e Business Development Director, Oracle Italia) ha sintetizzato il concetto di sistemi e applicazioni “componibili”. In questa intervista video parte dalle tecnologie disruptive per approfondire come queste siano applicate e quindi diventino veramente utili per creare valore al business. Machine learning, intelligenza artificiale, open source sono le tecnologie in cui Oracle sta investendo per far evolvere la propria proposta e, più nel particolare, creare servizi “self driven” perché la sfida principale, come sentiremo, è rendere semplice la trasformazione digitale.

Focus su business e organizzazione per una trasformazione digitale efficace

Focus su business e organizzazione per una trasformazione digitale efficace

La tecnologia è l’aspetto meno problematico, in parte grazie al ricorso al cloud nelle sue diverse configurazioni o a un adeguamento infrastrutturale già avvenuto. È questa una delle indicazioni che emergono dai CIO e dagli Innovation manager di grandi aziende che hanno partecipato alla Tavola Rotonda “Business Technology Innovation” all’interno dell’iniziativa Digital 360 Awards. L’attenzione è rivolta soprattutto alle scelte organizzative e alla ricerca di modelli condivisi fra It e business, indispensabili per cogliere le opportunità che la digital trasformation consente permeando sempre più il core business. Percorsi, idee e difficoltà dalle esperienze di Eni, Enel, BNL e Magneti Marelli.

Dedagroup: practice, leve tecnologiche e persone per disegnare con le aziende l’innovazione concreta

Dedagroup: practice, leve tecnologiche e persone per disegnare con le aziende l’innovazione concreta

In occasione dei Digital360 Awards 2018 Valentina Bucci, Giornalista di ZeroUno, intervista Roberto Loro, Director Technology & Innovation, Dedagroup, su come strutturare il percorso di innovazione necessario perché le aziende possano sfruttare al meglio le nuove tecnologie e rendersi competitive. In particolare si entra nel dettaglio delle collaborazioni, con partner, startup o istituti di ricerca, come occasione per creare ecosistemi collaborativi in cui concretizzare i percorsi di innovazione. In questo ambito si parla anche a scopo di esempio della collaborazione avvenuta tra Dedagroup e l’istituto di ricerca Fondazione Bruno Kessler di Trento.

Tecnologie e persone per capire il mercatoness

Tecnologie e persone per capire il mercato

In occasione dei Digital360 Awards, Valentina Bucci, Giornalista di ZeroUno intervista Massino Rosso, ICT Director di Rai – Radiotelevisione Italiana, discutendo di come evolvono i servizi radio e televisivi con le nuove tecnologie digitali: per offrire servizi migliori, da un lato occorre accedere alla mole di dati disponibili, ma dall’altro è necessario soprattutto trovare delle correlazioni tra questi dati e i propri servizi. Per fare questo inoltre non bastano gli algoritmi: è fondamentale una componente umana, che possa trovare effettivamente le connessioni e metterle in pratica con le migliori tecnologie.

Dati e informazioni al centro dell’innovazione di Chiesi Farmaceutici

Dati e informazioni al centro dell’innovazione di Chiesi Farmaceutici

In occasione dei Digital360 Awards 2018 Alessandra Zamarra, Giornalista di Zerouno, intervista Daniele Segagni, Global Process & Application Specialist di Chiesi Group.

Gli ingredienti prioritari per la trasformazione del business

Gli ingredienti prioritari per la trasformazione del business

La Tavola Rotonda sul tema della Business Innovation, all’interno dei recenti Digital360 Awards, con CEO e protagonisti dell’ecosistema dell’innovazione, evidenzia, fra le priorità per favorire la business transformation, la componente finanziaria e le competenze. Serve però superare il gap culturale digitale, anche per manager e imprenditori, per favorire una visione di come la tecnologia possa trasformare il business.

Lavorare meglio e in modo sempre più efficace grazie alla cognitive collaboration

Lavorare meglio e in modo sempre più efficace grazie alla cognitive collaboration

Intervista ad Enrico Mercadante, Head of Digital Acceleration Team, Cisco Italia, nel corso dei Digital360 Awards 2018

WhereApp: news e informazione certificata e georeferenziness

WhereApp: news e informazione certificata e georeferenziata dalla PA

La piattaforma, realizzata da VjTechnology, può inviare un numero illimitato di messaggi da parte delle autorità pubbliche sul territorio senza avere il bisogno di conoscere e registrare preventivamente alcun dato, rispettando così l’anonimato del destinatario.

Cisco Webex Teams, in Italia la moda è più veloce grazie alla collaboration

Del Brenta ha scelto la tecnologia Cisco per mettere in comunicazione tutti gli attori del processo di produzione inclusi fornitori e clienti. Tra i principali vantaggi: ottimizzazione del tempo di importanti risorse professionali, riduzione dei costi relativi a spostamenti e trasferte, eliminata la perdita di informazioni che prima circolavano via mail, su schizzi fotografati ecc.

IoT in Paglieri: il progetto Easy Connect Machines di Cisco

Sempre più aziende manifatturiere puntano all’adozione di sistemi di automazione con al centro tecnologie di Internet of Things. Tra queste Paglieri, la storica società alessandrina proprietaria di alcuni tra i marchi più conosciuti di prodotti per l’igiene della persona e per la casa, che si è affidata a Cisco per lo sviluppo di una soluzione da applicare sia a macchinari moderni sia a quelli meno recenti utilizzabile con o senza un’infrastruttura di rete, riuscendo a gestire l’invio dei dati verso molteplici piattaforme cloud, sistemi SCADA, MES ed ERP. Nasce così Easy Connect Machines, giunta finalista ai Digital360 Awards 2018 per la Categoria tecnologica Internet of Things, che permette di creare “connected machines” e ha promosso a tutti gli effetti un progetto certificato Industria 4.0.

Digital360 Awards 2018, ecco i vincitori

Al termine di 3 giorni di lavori, sono stati assegnati i Digital360 Awards 2018. Premiata l’innovazione, ma soprattutto l’innovazione applicata da una giuria di 73 CIO delle più importanti imprese italiane che ha selezionato i vincitori del contest di Digital360 per promuovere la cultura digitale in Italia. Premiate Entando, Cerved, DA-RT, OT Consulting, Intesys, Injenia, Manini Prefabbricati, AppQuality, Cedat85, MobileIron, Cisco, Vjtechnology, Assirecre Consulting, Wiit, Net Service.

Digital360 Awards 2018, ecco chi sono i 16 premiati per l’innovazione digitale

Alla cerimonia di premiazione a Lazise (Lago di Garda) sono stati svelati i nomi dei vincitori del contest del Gruppo Digital360, scelti da una giuria di CIO delle più importanti aziende del Paese tra oltre 200 candidature. Il CEO del Gruppo, Andrea Rangone: “Progetti di grande valore e stimolo all’imprenditoria”.

Digital360 awards, ecco tutti i premiati dell’edizione 2018

Assegnati da una giuria di 73 Cio i 16 premi del contest che promuove la cultura digitale. Andrea Rangone: “Progetti di grande valore, che possono essere da stimolo per la diffusione della cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità̀ nel nostro Paese”.

Digital360 Awards: quindici premi all’innovazione

IoT, intelligenza artificiale, machine learning, ma anche sicurezza, autenticazione e nuove modalità di prestare cura e offrire percorsi riabilitativi ai pazienti.

Rivoluzione digitale in casa Inail. Tomasini: “Ora è tempo di competenze”

Ridotti i Ced e razionalizzato il sistema elaborativo già prima del varo del Piano di Agid. L’istituto punto di riferimento per tutta l’amministrazione. Ma la partita non è chiusa: “Servono concorsi ad hoc per assumere talenti dotati di competenze tecnologiche e soft skill”.

Digital360: lancia terza edizione dei ‘Digital360 Awards’

Al via la terza edizione dei Digital360 Awards, evento promosso dalla società sbarcata lo scorso anno sull’Aim Italia, attiva nell’offerta b2b di contenuti editoriali, lead generation, eventi e coaching nell’ambito della trasformazione digitale.

IoT: così Semioty aiuta l’industria manifatturiera a proporre servizi che generano guadagni

Una piattaforma IoT dedicata all’industria manifatturiera che non solo consente a queste realtà di generare risparmi, ma le aiuta anche a definire un revenue model e produrre guadagni: ecco come si è evoluta Semioty, soluzione WebRatio per l’erogazione di servizi basati su IoT e premiata ai Digital360 Awards 2017.

Digital360: lancia terza edizione dei ‘Digital360 Awards’

Al via la terza edizione dei Digital360 Awards, evento promosso dalla societa’ sbarcata lo scorso anno sull’Aim Italia attiva nell’offerta B2B di contenuti editoriali, lead generation, eventi e coaching e nell’ambito della trasformazione digitale, Digital360.

Amadori, così si ‘alleva’ l’innovazione

Con il nuovo piano industriale 2018-2022 del gruppo agroalimentare romagnolo, viene varata la funzione Innovazione. Con un approccio matriciale, di governance da un lato con quattro pilastri (ruoli e responsabilità, processi, metodologie e tools) e di progetto dall’altro. Incontro con Gianluca Giovannetti, Direttore Centrale Innovazione e Servizi Business di Amadori, per capire percorsi, aspettative e change management

Sicurezza informatica: così le soluzioni di Mon-K abbracciano il mondo delle criptovalute

Paolo Ferrari, Executive Director di Mon-K, impresa vincitrice del Premio Speciale Startup dei Digital360 Awards 2017 racconta le evoluzioni della soluzione Secure-K Enterprise, oggi disponibile anche in una versione pensata per la sicurezza informatica in ambito criptovalute.

Digital360 Awards, torna il premio per l’innovazione con un format arricchito

Dopo il successo delle precedenti edizioni, i Digital360 Awards si “estendono” temporalmente (l’evento diventa una tre giorni), si arricchiscono di contenuti e si trasferiscono nell’affascinante cornice del Lago di Garda.

Al via la terza edizione dei Digital360 Awards, il contest che premia l’innovazione digitale in Italia

Una tre giorni sul lago di Garda, nuovi contenuti e 73 CIO in giuria: sono alcune delle novità dell’edizione 2018 del premio lanciato dal Gruppo. L’AD Andrea Rangone: “Contribuiamo all’evoluzione dei modelli di business facendo interagire diverse componenti del mondo imprenditoriale”. Scadenza per le candidature: 10 aprile